pandolce genovese lievito madre
giulygiulietta
giulygiulietta

pandolce genovese lievito madre

  • Valuta questa ricetta!
  • La tua valutazione
Valutazione globale 0 0 valutazioni

Ingredienti

  • Ingredienti per il primo impasto
  • 300 g farina 0
  • 110 g pasta madre rinfrescata
  • 100 g acqua
  • 70 g zucchero di canna
  • 70 g burro morbido
  • 40 g uova (uno piccolo)
  • 3 g sale
  • buccia di limone grattugiata
  •  
  • Ingredienti per il secondo impasto
  • tutto il primo impasto
  • 55 g farina 0
  • 25 g zucchero di canna
  • 25 g burro morbido
  • 10 g marsala
  •  
  • Serviranno inoltre
  • 180 g uvetta reidratata in acqua e ben strizzata
  • 55 g pinoli
  • 70 g cedro candito
  • 7 g semi di finocchio

Istruzioni

    Alla sera procediamo con il primo impasto…

    Nella ciotola riunire la pasta madre spezzettata, l’acqua e metà della farina.

    Avviare l’impasto poi unire le uova, lo zucchero un pò di buccia di limone grattugiata e la restante farina poco per volta. Impastare fino ad ottenere un panetto ben lavorato.

    A questo punto unire il burro precedentemente mescolato con il sale, aggiungerlo a più riprese aspettando tra una e l’altra che si sia ben assorbito. Quando l’impasto avrà preso un pò di elasticità, formare una palla e mettere a lievitare in una ciotola imburrata fino al mattino. Deve raddoppiare.

    Il mattino si prosegue con il secondo impasto…

    Mescolare in una ciotola l’uvetta, le noci, il cedro e i semi di finocchio, tenere da parte.

    Sgonfiare la palla lievitata preparata la sera prima, disporre nella ciotola, aggiungere il marsala, lo zucchero e metà della farina, impastare fino ad ottenere un impasto omogeneo.

    Unire la farina rimasta e impastare ancora fino ad assorbimento. Aggiungere anche il burro e fare incordare l’impasto.

    Una volta pronto aggiungere il mix di uvetta e impastare giusto il tempo di aver amalgamato il tutto.

    Togliere l’impasto dalla ciotola, dare un forma a palla e fare riposare per 20 minuti.

    Adesso si deve pirlare (ovvero arrotondare bene) il pandolce, per due volte a distanza di 30 minuti una dall’altra. Se fatto bene si otterrà una bella palla.

    Disporre su di una teglia e coprire con pellicola, fare lievitare fino al raddoppio.

    Nel mio caso a metà pomeriggio era pronto…

    Prima di cuocere a 170° in forno caldo e per circa un’ora, praticare tre tagli in superficie formando un triangolo.

    Una volta che il pandolce sarà sviluppato e sarà ben dorato coprire con un foglio di alluminio e ultimare la cottura.

    Sfornare e fare raffreddare su di una gratella.

Commenti

Iniziare sessione or Registra per scrivere un comento.