Il mio pandoro con lievito di birra, ricetta con tutorial fotografico e spiegata passo per passo
Dal dolce al salato con Lucia
Dal dolce al salato con Lucia
  • Valuta questa ricetta!
  • La tua valutazione
Valutazione globale 3 1 valutazioni

Ingredienti

  • 2 giorni circa ben chiuso, poi potreste riscaldarlo un poco per far sprigionare tutto il suo sapore!
  • 11 cm diametro inferiore, 22-23 cm da punta a punta della stella e 15-16 cm di altezza)
  • 100 g di farina di manitoba
  • 50-60 g di acqua a 28°
  • 4 g di lievito di birra fresco
  • 6 g di lievito di birra fresco (8-10 g se volete uno sviluppo più marcato)
  • 250 g di farina per panettone/pandoro
  • 100 g di acqua
  • 60 g di zucchero
  • 40 g di tuorli
  • 2 tuorli)
  • 1 g di sale
  • di
  • 60 g di burro bavarese
  • burro
  • 250 g di farina per panettone/pandoro
  • 50 g di acqua
  • 20 g di latte (o panna fresca al 33% di grassi)
  • 100 g di zucchero
  • 5 g di miele
  • cucchiaino
  • 78 g di tuorli (4 tuorli)
  • 10 g di burro di cacao (o cioccolato bianco)
  • 10 g di latte in polvere (scremato o intero)
  • 2 g di sale
  • 25 g di zucchero a velo
  • 1/2 cucchiaino di latte in polvere
  • 23 della sera prima. Prepariamo la biga
  • 9 ore a cir
  • 8 del giorno dopo. Primo impasto
  • 35 minuti
  • 4 ore Se non è triplicato, NON FATE IL SECONDO IMPASTO, ma attendete il completo sviluppo. Intanto, lavate la ciotola della planetaria e mettetela in frigo, insieme alla frusta ad uncino.
  • 15 circa Una volta che l’impasto si sia triplicato, sgonfiatelo e mettetelo a raffreddare in frigorifero per 30-45 minuti visto che partiamo da una temperatura di lievitazione almeno a 26°. Poi tirate il burro aromatizzato dal frigo per renderlo “a pomata”.
  • 40-45 minuti A mano, ci vorr molto più tempo). “Incordare” significa che dovrete ottenere un impasto molto elastico, liscio, sodo, che si stacca dalle pareti della ciotola e che quando si tira un lembo non si spezza, ma si tende fino a formare “un velo“. In questo caso, se avete la planetaria, è utile alzare un po’ la velocit .
  • 50 circa Rovesciate l’impasto su un tavolo leggermente unto di burro. Fatelo riposare così all’aria per 30 minuti (puntatura). Deve asciugarsi e formarsi una sottile pellicina.
  • 1200 g in totale, visto che qualcosa si perde sempre per strada. In ogni caso, l’impasto che va messo nello stampo da
  • 1 kg deve pesare 1,100 kg (se ne mette il 10% in più della capacit dello stampo). Il resto dell’impasto che è avanzato l’ho adagiato in un piccolo stampino.
  • 20 circa Ora fate la pirlatura, poi fate riposare l’impasto per 20 minuti, sempre all’aria. Si tratta di formare una palla facendola ruotare sulla spianatoia e rigirando i bordi sotto in modo da “chiuderla”. In questa fase potete aiutarvi ungendovi le mani con un po’ di burro. Per l’operazione della pirlatura, vedete questo link, c’è un mio video: https://www.facebook.com/pages/Dolcesalatoconlucia/441574555973258
  • 1 cm
  • 4 ore e mezza circa perchè ho tenuto una temperatura costante con un termostato. Voi aiutatevi con ogni mezzo, ad esempio pentolino acqua calda, lampade etc., ma non ottenete una temperatura troppo alta, pena l’acidit del prodotto finale.
  • 30 minuti
  • 50 minuti
  • 2 ore Io dopo
  • 30 minuti
  • 441574555973258 per non perdevi tutte le novit

Istruzioni

Commenti

Iniziare sessione or Registra per scrivere un comento.