Auguri cook 'n' book e si va di Contest...chi festeggia con me e con il Club delle Cuoche?
cook 'n' book
cook 'n' book
  • Valuta questa ricetta!
  • La tua valutazione
Valutazione globale 0 0 valutazioni

Ingredienti

  • 12 mesi
  • 12. E molti vanno oltre
  • 6 mesi l'anno lì e 6 mesi l'anno a Roma...perché lo so che alla fine Roma mi manca sempre un po'. E da romana non posso fare a meno delle zucchine romanesche il cui seme ho piantato nel mio orto toscano. Ieri sera ho colto splendide zucchine, alcuni fiori di zucchina stupendi e qualche pianta di zucchina che a Roma viene elegantemente definita "gratta..." va beh, sorvoliamo. Nonostante il nome, vi assicuro che la pianta è di una bont inaudita a mio avviso. Una delle mie verdure preferite. Arrivano amici inaspettati in mattinata. Se fra loro ci fosse il Jeremy Irons dei bei tempi, protagonista del film, sarei molto contenta, lo ammetto!!! Oh perbacco!!! E ora cosa cucino? Animo!!! Siamo uomini o caporali? Ho a disposizione zucchine dell'orto, ricotta di pecora del casaro di zona che ha un debole per me e me la regala sempre, dei fantastici cannellini freschi piantati da me (siamo o non siamo in Toscana?) che ho sgranato e messo a surgelare per l'inverno, tanti altri prodotti e erbe aromatiche. Sfrutto l'intera pianta della zucchina e inizio a comporre un antipastino misto saporito: sformatino di ricotta di pecora, pianta della zucchina abilmente trattata e uova delle galline del vicino (scusate ma se avessi galline immagino che prima o poi dovrei far loro la festa e sinceramente non me la sentirei...non arrivo ad essere così tanto bucolica, nun gliela fo'). Allora si diceva, sformatino di gratta... con uova e ricotta (oh poi se volete la ricotta potete farla voi, vi ricordate questo post?), fiori di zucca fritti in pastella leggera con mozzarella e spuma di alici (e va beh, mi sono portata il sifone in Toscana!), crostini con pane rigorosamente home-made (che guarda caso avevo preparato la sera prima che arrivassero gli ospiti con la farina di mulino....) e fagioli cannellini al fiasco (e con il fiasco siamo sempre in Toscana) con salsina di sedano (sempre dell'orto) e cialda di pecorino toscano (sempre del casaro 'innamorato'), crudité di zucchina con primo sale home-made e mandorle dei miei alberi, pomodorini (sempre dell'orto) confit con ricotta salata, olive (dei miei alberi) e salsa di cetriolo (dall'orto). A che quota siamo? Abbiamo uova del contadino, zucchine, fiori di zucchine, pianta delle zucchine, fagioli cannellini, cetrioli, pomodorini, erbe aromatiche, ricotta e primo sale, primo sale e pane home-made, mandorle di produzione propria e olio evo (toscano) delle mie olive. Può bastare? Sì che basta, è anche troppo. Tranquilli, è solo un esempio.
  • 9 di
  • 2 dicembre 2012 (fa tanto Cenerentola, lo so!).
  • 2012 presso la sede de Il Club delle Cuoche, in via Romagnosi
  • Roma
  • 10 per concludersi alle ore
  • 16. Non mancate

Istruzioni

Commenti

Iniziare sessione or Registra per scrivere un comento.